Il mio cammino dei ribelli: 130 km a piedi, 7 giorni tra i boschi e 6 notti in tenda. Da sola.

Questa è la storia di un cocktail stupefacente. Dagli ingredienti imprevisti anche per me: pomodori, sudore, cerotti e caffè. Saluti, sorrisi e qualche pregiudizio ben radicato. Storie e racconti di vita. Borghi fantasma, abbandonati, nel cuore dei boschi. Borghi che combattono per evitare lo spopolamento. Decisioni personali difficili. Esplorazione di limiti, e scoperta di incredibili capacità.Continua a leggere “Il mio cammino dei ribelli: 130 km a piedi, 7 giorni tra i boschi e 6 notti in tenda. Da sola.”

E tu, quanto partecipi alla tua vita?

La libertà non è star sopra un alberoNon è neanche il volo di un mosconeLa libertà non è uno spazio liberoLibertà è partecipazione Così cantava Gaber nel 1972, invitando le persone a partecipare (in quel caso alla vita politica della comunità). In quanto membro di alcune community, tra cui quella connessa alla sfera dello sviluppoContinua a leggere “E tu, quanto partecipi alla tua vita?”

L’antica (e potentissima) pratica del benvenuto

La prima volta che ho sentito parlare di questa pratica, ammetto, sono rimasta perplessa. Mi è subito risuonato come una sorta di costrutto religioso, e io nutro un certo scetticismo per tutte le filosofie che invitano a credere in qualcosa senza porsi domande. Ancor più se prevedono dogmi di accettazione incondizionata. Avevo letto qualcosa aContinua a leggere “L’antica (e potentissima) pratica del benvenuto”

Un seme nel mio barattolo

Questa mattina, al mio risveglio, ho trovato lei: Una sorpresa completamente inattesa. Non mi ero accorta, ieri, che fosse spuntata. Ho realizzato in un secondo che quel fagiolino secco e striminzito, confezionato in un barattolo di latta da una nota catena “dicosevarie” nordeuropea, acquistato per la mia bimba in un godutissimo momento di pausa…quel fagiolinoContinua a leggere “Un seme nel mio barattolo”

Destreggiarsi tra richieste altrui e i propri bisogni

Perché devi costringermi a comportarmi in questo modo? Tu non mi capisci! Non posso più cambiare le cose: chissà cosa accadrebbe se io… Quante volte abbiamo ripetuto frasi come queste? Quante volte ci siamo arrabbiati perché abbiamo sentito che qualcuno ci stesse indirettamente obbligando a fare qualcosa che non volevamo? O perché qualcuno da cuiContinua a leggere “Destreggiarsi tra richieste altrui e i propri bisogni”

Sentirsi “soli”

Sentirsi soli a volte capita. E le emozioni che siamo abituati ad associare alla solitudine sono spesso sconforto, tristezza, e senso di vuoto. Ma è davvero così ovvio sentirci tristi quando ci sentiamo soli? Pensiamo per un momento a quella sensazione di “vuoto dentro“. Per alcuni è un mero fastidio. Per altri un dolore, cheContinua a leggere “Sentirsi “soli””